Lasciati ispirare da Vaiana, la ragazza dell’oceano che oltrepassa la barriera per riportare armonia e abbondanza

Hai già visto il film d’animazione “Oceania”? In genere li guardiamo con i bambini, ad esempio quando li accompagniamo al cinema. In realtà questo è un film molto stimolante anche se visto da sola o con amici.La storia è ambientata alle Hawaii in un periodo lontano nel passato: te la raccontiamo focalizzandoci su quelle parti utili a leggerne il significato simbolico che ha ispirato il nostro ricamo settimanale. 

Vaiana è una ragazzina adolescente che vive in un villaggio i cui abitanti avvertono l’arrivo di una preoccupante carestia. Lei sente una forte attrazione per l’oceano, ma il suo papà la (trat)tiene al sicuro dai pericoli impedendole di seguire il suo intuito che la spinge ad imbarcarsi oltre la barriera corallina. La nonna paterna, considerata la matta del villaggio, le racconta un’antica storia della sua stirpe, di 1000 anni prima, tenuta nascosta perché dolorosa, e la incoraggia invece a partire per trovare e restituire il cuore a Te Fiti, la Madre della vita. Il cuore, infatti, era stato rubato dal semidio del vento e del mare, Maui, per accontentare gli umani che volevano usare il potere sulla natura. Vaiana non sa navigare e affronta un viaggio nell’oceano estremamente difficile e pericoloso. C’è un momento in cui sta addirittura per arrendersi, quando l’anima della nonna, nel frattempo morta in quanto molto anziana, le viene in aiuto. 

Una volta recuperato il cuore e raggiunto il punto in cui si aspettava di trovare Te Fiti per restituirglielo, Vaiana trova invece Te Ka, che rappresenta, in forma di lava infuocata, la distruzione. Te ka è molto arrabbiata e pericolosa, ma la protagonista intravede uno spazio nel suo petto , le mostra il cuore e Te Ka si placa, consentendo alla ragazzina di rimetterlo al suo posto. A questo punto Te Ka riprende le sembianze di Te Fiti, una meravigliosa entità rappresentata come una donna ricoperta da vegetazione rigogliosa. Le due polarità – vita e distruzione – si ricongiungono e tornano una sola a ristabilire l’equilibrio. 

Analizzando i personaggi, la nonna di Vaiana rappresenta, incarnando la figura di colei che è fuori dagli schemi, un passato nel quale c’era ancora unione. I genitori rappresentano un presente in cui c’è divisionerifiuto e mancanza di consapevolezza verso il danno recato dall’uomo alla natura. Nascondendo il passato a Vaiana, i suoi genitori , come gli altri abitanti del villaggio, mostrano la loro incapacità di vivere il dolore delle sconfitte subite tanti anni prima, di nutrire fiducia e di riconoscere un intuito forte e veritiero presente nella nuova generazione.  Vaiana rappresenta quindi il futuro che riconosce la necessità di staccarsi dal presente, disobbedendo ai genitori, tradendoli in qualche modo, per permettere quel cambiamento necessario alla vita attraverso un taglio del vecchio per la creazione del nuovo. 

Restituire il cuore a Te Ka–Te Fiti vuol dire infatti tornare all’armonia dopo avere esperito la disarmonia, come quella che  rappresenta il caos che oggi percepiamo sempre di più nella società nella quale viviamo. Il ritorno all’armonia avverrà però non andando indietro verso il passato, bensì andando avanti verso il futuro, forti di un’esperienza utile a comprendere che continuando ad usare un approccio repressivo, privativo, contrastante, belligerante, come abbiamo fatto per millenni, andiamo ad uccidere tutto ciò che contribuisce alla vita del pianeta. 

E’ vero, è molto difficile oggi avere speranza, proprio perché la percezione della distruzione ci tocca sempre di più. Tuttavia, proprio maturando la consapevolezza che la possibilità di (ri)creazione dipende da ciascuno di noi, possiamo fare molto. Noi donne in particolare abbiamo un grande potenziale in questo senso, come simbolicamente rappresentato dalle figure femminili chiave del film, Vaiana, sua nonna e la Grande Madre Te ka-Te Fiti, perché in special modo a noi donne sono collegati tutti gli altri umani: bambini, fratelli, mariti, anche amanti, nel nostro ruolo primordiale di creatrici.

 

Lascia un commento, se ti fa piacere. Se pensi che questo messaggio possa interessare anche altre donne, condividilo con i tasti qui sotto. 

Se vuoi ricevere la notifica dei commenti a questo articolo registrati usando la checkbox che trovi alla fine della pagina.

A risentirci tra qualche giorno 

Se ti è piaciuto o vuoi condividere questo messaggio usa le icone sotto

2 commenti su “Lasciati ispirare da Vaiana, la ragazza dell’oceano che oltrepassa la barriera per riportare armonia e abbondanza”

  1. Non ho ancora visto questo film d’animazione e forse non sarei riuscita a percepire questi messaggi intrinsechi, anche perché tendo a focalizzarmi più sulle immagini trascurando spesso i dialoghi, ma è più forte di me. Però adesso ho una voglia matta di vederlo, Bisogna rimediare!
    Per me i lavori di Miyazaki pullulano di messaggi e significati profondi, o forse, soltanto, toccano in me parti sensibili. Fatto sta che i film di animazione sanno anche essere dei capolavori.

  2. Cara Stefania, con i film di animazione, sopratutto i più moderni, abbiamo in mano uno strumento trasformativo molto interessante e adatto a questo periodo storico. Anche se realizzati essenzialmente come prodotto commerciale, chi li produce ha grandi competenze tecniche e ancor di più educative, e la cosa che più mi sembra interessante é proprio questa apparente versatilità nell’essere adatti sia a bambini sia ad adulti. In realtà si tratta proprio di aver trovato la chiave giusta per arrivare a tutti noi, ossia anche ad adulti che vogliono mantenere viva la loro parte più creativa, quella già presente nei bambini, per diffondere messaggi utili a raggiungere nuovi spiragli di vitalità e speranza. Grazie per il tuo contributo. Alla prossima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *