Cosa significa settembre per te? Prenditi un momento per sentire cosa ti trasmette veramente questo mese.

Il giorno 22 settembre, alle 15.31, siamo ufficialmente entrati nella nuova stagione, passando per l’equinozio di autunno. La parola “equinozio”, dal latino aequinoctium, vuol dire uguale durata della notte rispetto al giorno, raggiunto quel momento di equilibro in cui il vigore dell’estate cede il testimone al comfort dell’autunno.

La stagione calda piace a molti di noi: estate vuol dire vacanze, relax, abbigliamento leggero, allegro, sensuale. Il periodo estivo è quello del vigore della giovinezza, del movimento, della fertilità. Poi l’estate finisce. Distratte e straprese dalle miriadi di cose da fare, tendiamo a cogliere gli aspetti che ci mostra la fine di questo periodo forse in modo superficiale e con scarso beneficio per noi. Ad esempio, avvertiamo immediatamente il calo della temperatura, l’arrivo della pioggia, l’aumento dell’umidità e della durata del buio. Vediamo la vegetazione cambiare il suo aspetto passando dal verde brillante al giallo, all’arancio e poi al marrone fino a quando gli alberi si spogliano, e così raggiungiamo l’età matura dell’anno. Ponendo attenzione e attivando i sensi che ci aiutano ad entrare più in contatto con noi stesse e con questo passaggio stagionale, possiamo cogliere anche degli aspetti interessanti: man mano che la temperatura, quietamente, si abbassa, ci arriva la luce più morbida e meno accecante del sole estivo, l’aria più fresca, i colori caldi delle foglie e dei frutti da cogliere, il sapore dolce e un po’ speziato di cibi e bevande, come i ravioli di zucca, i sughi corposi, il bollito, la torta con cannella, cioccolato e pere, le tisane di fine giornata.

Osservando in particolare il senso metaforico dello scorrere dell’anno: scopriamo quanto può essere ricca la maturità della nostra vita, il momento in cui l’esperienza si può trasformare in saggezza, in cui possiamo aprirci alla capacità di vedere, comprendere e sentire cose ed energie che prima, magari, non riuscivamo a cogliere, prese dall’impegno di crescere e raggiungere determinati obiettivi come gli studi, la carriera, il lavoro, il matrimonio, la maternità. Eppure, tenace e instancabile, l’autunno arriva ogni anno per dirci che il sapore più buono delle cose possiamo sentirlo addirittura di più al calare delle scoppiettanti energie estive, stimolando quel senso di piacere che la nostra Venere interiore sa riconoscere. Assaporare l’autunno ci può aiutare a prepararci alla nostra maturità, vicina o lontana che sia, oppure a goderne nel presente, o ancora a riconoscere, ricordando gli anni passati, il valore che ha avuto quella preziosa fase. E così ci prepariamo ad accogliere, con amore e fierezza, quel periodo della nostra età che ci accompagnerà con pacatezza e, perché no, con un po’ di godimento, per molti anni ancora.

Giunte al nostro EQUInozio, al nostro momento di EQUIlibrio, possiamo apprezzare anche i cambiamenti del nostro corpo: l’aumento di quelle decorazioni naturali che sono le rughe, la presenza di maggiori rotondità in alcune zone, la voglia di curare la nostra bellezza valorizzando queste caratteristiche del nostro femminile. Le riflessioni e i discorsi che affrontiamo vanno sempre più in profondità, man mano che affiniamo le nostre competenze nel sentire, nel pensare e nello stare al mondo. Secondo alcuni esperti, la presbiopia, che generalmente sopravviene verso i 40 anni, riflette proprio la maggiore capacità di osservare le cose ad una certa distanza emotiva, con una maggiore visione d’insieme. Non perdiamo, dunque, questa occasione: alleniamoci ad assaporare settembre come il mese che apre le porte a un modo di essere nuovo e più nutriente, più colorato, più saporito, più godurioso.

Per finire, puoi svolgere una piccola attività sul tuo quaderno del ricamo.

Scrivi di getto come senti questo periodo dell’anno proiettato sul momento della tua maturità. Come ti fa stare questo pensiero? Puoi usare anche colori, schizzi, scarabocchi e immagini che ti risuonano, per esprimere questo pensiero personale. Senti di desiderare un cambiamento? Senti di voler fare qualcosa di speciale per te? Presta attenzione a queste sensazioni.

 

Lascia un commento, se ti fa piacere. Se pensi che questo messaggio possa interessare anche altre donne, condividilo con i tasti qui sotto. 

Se vuoi ricevere la notifica dei commenti a questo articolo registrati usando la checkbox che trovi alla fine della pagina.

A risentirci tra qualche giorno 

Se ti è piaciuto o vuoi condividere questo messaggio usa le icone sotto

2 commenti su “Cosa significa settembre per te? Prenditi un momento per sentire cosa ti trasmette veramente questo mese.”

  1. Questo “racconto “ mi ha stimolata nel mio autunno personale e coccolata con i colori caldi delle parole e di ciò che esprimono .
    “ Sono ad occhi aperti “ in questo racconto perché è come se parlasse di me e del mio autunno personale e mi aiuta a soffermarmi con meno “ paura “ su un nuovo capitolo della mia vita intitolato “Autunno “ …
    Grazie di cuore
    Rosa Ramazio
    … rileggerò e rileggerò questo racconto …

    1. Goditi questo momento di passaggio verso la stagione della saggezza. Presto arriverà per tutte noi un messaggio mirato sulle luci soffuse dell’autunno…seguici ancora. Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *